Ippocrate salvaci tu

9 02 2009

altan

Dal giuramento di Ippocrate:

“Consapevole dell’importanza e della solennità dell’atto che compio e dell’impegno che assumo, giuro:

(…) di curare tutti i miei pazienti con eguale scrupolo e impegno indipendentemente dai sentimenti che essi mi ispirano e prescindendo da ogni differenza di razza, religione, nazionalità condizione sociale e ideologia politica;

(…) di rispettare e facilitare in ogni caso il diritto del malato alla libera scelta del suo medico, tenuto conto che il rapporto tra medico e paziente è fondato sulla fiducia e in ogni caso sul reciproco rispetto; (…)”

Legge 365 del codice penale:

“Chiunque, avendo nell’esercizio di una professione sanitaria prestato la propria assistenza od opera in casi che possono presentare i caratteri di un delitto pel quale si debba procedere d’ufficio, omette o ritarda di riferirne all’Autorita’ indicata nell’art. 361, e’ punito con la multa fino a lire un milione. Questa disposizione non si applica quando il referto esporrebbe la persona assistita a procedimento penale.”

Ecco, per questo motivo con la nuova legge proveniente dalla Lega non si parla di referto ma di denuncia. Perchè il  medico non potrebbe refertare la clandestinità dato che esporrebbe la persona a procedimento penale. E a un calcio in culo, naturalmente. I medici con la nuova porcata che è molto semplice anche per Calderoli quindi promulgabile possono denunciare un clandestino che andrà nel loro ambulatorio, se avrà il coraggio d’andarci. Che grande opportunità! Vorrei sapere se denunciando un clandestino si vince qualcosa, tipo almeno per favore mettete una taglia. Poi suggerirei anche la lettera “W” scarlatta di Wonted. E un bersaglio perchè il calcio da dare per tornare nel paese d’origine dev’essere poderoso e ben calibrato. Praticamente il governo ha abrogato il il comma 5 dell’articolo 35 del decreto legislativo del 25 luglio 1998, n. 286, ossia il Testo unico di disciplina dell’immigrazione. L’articolo recita, o meglio recitava, adesso è rimasto senza voce: «L’accesso alle strutture sanitarie da parte dello straniero non in regola con le norme sul soggiorno non può comportare alcun tipo di segnalazione all’autorità, salvo i casi in cui sia obbligatorio il referto, a parità di condizioni con il cittadino italiano».

Puff, sparito. Queste chiamasi leggi-a-bolla-di-sapone, vanificate in un giorno dopo una notte travagliata a causa di strozzapreti panna e salsiccia. Ippocrate e il codice penale si stanno rivoltando nella tomba. Anche il codice penale è morto, gli assassini sono l’indulto, il lodo Alfano e la prescrizione che ormai è più lunga della coda della rondanina.

Non so più cosa dire in merito agli immigrati, quindi cito Fabio Fazio che per una volta ha detto una cosa sensata “basterebbe chiedersi: io che diritto ho per essere nato a torino, Savona? Se si capisse che a questa domanda non c’è risposta sarebbe tutto molto più semplice”

Questi in due giorni ne hanno fatte troppe, io non ci sto più dietro. Hanno anche aumentato il prezzo del permesso di soggiorno da 80 a 200 euro (l’Italia praticamente è un Hotel, l’unico che si fa pagare profumatamente nonostante i bagni pubblici facciano schifo, nonostante le camere fatiscenti e i corridoi pieni di buche mai aggiustate.)

Poi hanno istituito il registro per i clochard, probabilmente perchè stanno strolicando un modo per far sì che riescano a vedere mediaset.

Poi cosa manca? Ah, si, il decreto contra personam cioè contro la Englaro. Che ha ricevuto il plauso del Vaticano. Che Napolitano non ha firmato. Si è svegliato, lui non era in coma irreversibile, buono a sapersi. E Berlusconi? Berlusconi si è incazzato, oh sì che si è incazzato. Pare che gli abbia detto “quest’estate la mamma non ti invita più da me per la festa del vulcano finto che sputa il fuoco”.

E Veltroni? No ma mi dite cosa sta aspettando? Attende che due treni “freccia rossa” consecutivi arrivino a destinazione in orario? E’ impossibile! Mi verrebbe da dire che i vari emendamenti dei pacchetti-regalo sicurezza sono stati bloccati in Senato tre volte, ma non vedo perchè lo debba fare io al posto suo. Come? Le tv sono schierate e lui non può esprimere il suo pensiero? Lui e i suoi amici potevano darsi da fare quando erano al governo allora! Mi spiegate cosa dice a fare “non va bene, non si fa così brutto cattivo” se poi non fa niente? Il blogger può permettersi di parlare a vanvera senza concludere una mazza, non lui. Non so do un’idea banale, tipo organizzare una manifestazione? Uno sciopero generale? Uno sciopero del personale sanitario? Uno sciopero degli organi statali che dovrebbero schedare i clochard? Uno sciopero dei dipendenti della questura che devono rinnovare i permessi di soggiorno? Ah no che sbadata, Walter vuole fare una nuova opposizione, la manifestazione è così vecchia, così out, basta ’68, basta contestazioni, serve serenità. Per prenderla nel culo con ottimismo.

E noi? E noi è meglio che pensiamo ad altro, tanto non riusciremo mai ad essere così veloci. E poi io al mio sedere ci tengo, che tra un pò è già estate.





La buona e la cattiva notizia

16 01 2009

immagine-7

Di primo acchito ho pensato: uau, divertente, insolito, irriverente, incisivo!

Poi però, dopo aver fatto altro, ricapitando coi miei percorsi intellettivi sullo stesso discorso, mi sono chiesta: perchè hanno i soldi per fare questa “campagna”? Perchè usano i soldi così? Perchè combattono il loro “nemico” -cioè la chiesa cattolica di fatto- con gli stessi suoi mezzi cioè i soldi, la pubblicità, lo slogan fittizio?

Direte voi: la chiesa cattolica lo fa da millenni e tu qui a criticare la prima iniziativa… Lo so, avete ragione, ma meglio cominciare da subito piuttosto che essere costretti a sprecare fiato per altri lunghissimi noiosissimi anni!