Difetti migliorabili (quasi) agevolmente

24 01 2009

par_condicio

Mi piacciono e mi fanno tenerezza i bloggers che dichiarano “questo blog non è uno spazio personale, non racconterò MAI dei fatti miei”, e poi ne parlano una volta spiegando “si, è vero, avevo promesso che non avrei mai detto niente di me, ma questa è l’eccezione che conferma la regola”. Seguendo questo ragionamento il Lodo Alfano è una genialata.

Invece ho proprio intenzione di tediarvi con un aneddoto personale, che risale alla lontanissima ieri sera.

Tema: Difetti migliorabili (quasi) agevolmente

Svolgimento:

Verso le sei del pomeriggio mi viene il pirlo di andare a vedere Luttazzi nello spettacolo Decameron, la signora del palazzetto mi conferma gentilmente che ci sono ancora posti, ma voglio trovare qualcuno con cui andare, giusto per non stare in silenzio nei minuti prima dello spettacolo, essendo io dotata di una logorrea infallibile in qualsiasi situazione.

La scelta ricade sulla mia coinquilina, che non solo non è interessata in tema di satira, ma considera zelig un “programma divertente”, considera i tg “utili per informare” e quelli che non hanno mai leccato il francobollo a Berlusconi dei “sovversivi che rischiano molto per le loro malefatte”. Cerco di convincerla in tutti i modi, ci riesco quasi nonostante il prezzo del biglietto (20 euro, una cifra normale, ma per una a cui non frega niente…), asserendo che con tutti i soldi che ho speso per andare con loro in discoteca (attività che certo non mi soddisfa, dato che si rischia la recisione delle corde vocali da tanto si deve urlare) lei si poteva permettere questa spesa.

Insomma, dicevo, ce l’avevo quasi fatta, quando chiama il suo ragazzo per dirle che sarebbe venuto a trovarla, cerco di convincere anche lui a venire, ce la faccio quasi, perchè secondo lui Luttazzi è un comico di zelig (quel programma che “fa ridere”). Ma non farebbe in tempo ad arrivare, e costringerli a rinunciare a una serata interloro mi sembra troppo.

A quel punto chiamo qualche mia amica, ma niente, nessuna va a vedere Luttazzi, non c’è quasi più speranza…Provo allora con un mio amico, un mio conoscente, gli chiedo “ehi, andate allora da Luttazzi?” come se fosse la cosa più scontata del mondo, e lui mi dice “si, se ci sono ancora i biglietti…” “si ho telefonato io, ci sono, la biglietteria è già aperta, possiamo già andarli a prendere, posso aggregarmi???” “si…certo, ok”.

Morale numero uno: anche i rompicoglioni hanno un’anima

Morale numero due: anche i rompicoglioni hanno un’etica

Morale numero tre: e ci guadagnano pure! Ottima la compagnia e grande Luttazzi!