La corriera stravagante

4 09 2011

A volte capita di leggere qualche libro che risponde in modo perfetto alle necessità sognanti della nostra persona in un determinato momento. E capita di trovare per caso libri che con la loro storia, con la loro narrazione immettono in un mondo nuovo, in cui regna la semplicità del vissuto magistralmente raccontata attraverso la grandiosità di ogni particolare. E così l’asciutto e la limpidezza di ciò che accade si fonde con la meraviglia della descrizione.
Era da quando ho letto “il vecchio e il mare” che non rivivevo più questa sensazione, che John Steinbeck con la sua “Corriera Stravagante” mi sta regalando.
Dedico questo post al Festivaletteratura di Mantova che sta per iniziare, perchè la cultura frizzantina della letteratura è una risorsa fondamentale e ricca e bella.

[…]Dopo poco, una mosca piccina ancora torpida dalla notte, si tirò fuori a fatica di sotto la foglia e si fermò nella chiara luce del sole. Aveva le ali di un’iridescenza torba, ed era intirizzita dal freddo notturno. Si strofinò le alucce con le zampette, poi si strofinò queste insieme, poi si strofinò la faccia con le zampette anteriori, mentre il sole, scendendo obliquo di sotto i nuvoloni rigonfi, le riscaldava gli umori. Ad un tratto la mosca si levò, fece due giri, svolazzò sotto le querce, andò a sbattere contro la rete metallica dell’uscio del ristorante, cadde sul dorso, e rimase per un attimo capovolta, ronzando contro terra. Poi si rimise in equilibrio, volò via, e andò ad appostarsi sullo stipite dell’uscio. […] (John Steinbeck)





Logica e illogica, assoluto e relativo

29 03 2011

 

Qualche giorno fa mi è emerso un ricordo dei primi anni di catechismo, credo che fossi in terza elementare. La scena che si è svolta fu la seguente: abbiamo letto un passo del libro del catechismo in cui Dio (o Gesù? Boh) esortava a impugnare le spade per combattere i miscredenti, mentre qualche settimana prima avevamo letto sempre dallo stesso libro che Dio perdonava tutto e tutti. Siccome in quell’occasione c’era il prete (evento speciale, dato che di solito erano presenti solo le catechiste, una per classe) gli ho posto la seguente domanda: “perchè se Dio perdona tutti poi ordina di prendere le spade?” e poi ne avevo approfittato per chiedere come mai Dio amasse più di ogni altra cosa suo figlio uomo e però ogni tanto chiedeva ai padri veri di sacrificare qualche figlio.

Il sacerdote mi aveva risposto in maniera quantomeno vaga, ma a me non interessava più di tanto perchè quello che per me aveva reale importanza era interrompere il discorso totalmente inutile che stava facendo. Del resto andavo a catechismo perchè poi potevamo usufruire di un oratorio enorme, pieno di ogni tipo di gioco divertente, dal ping pong al bigliardino al campetto. (Questa cosa era così evidente che per ben due anni le catechiste per santa Lucia mi hanno regalato il carbone, sempre per assumere il perdono come elemento cardine della vita secondo Dio)

In pratica quello che io chiedevo era il motivo della contraddizione divina, e i criteri attuati per il processo di identificazione di Dio. Se Dio è tutto e il contrario di tutto ed è sempre nel giusto, perchè noi siamo a sua immagine e somiglianza ma siamo condannati all’erroneità? Perchè alcuni possono dire che per loro l’obbedienza assoluta è la caratteristica più fondamentale di Dio, e perchè alcuni altri pensano così della conoscenza, e perchè altri ancora ritengono il perdono l’aspetto più importante dell’immagine di Dio?

Gli chiedevo altresì il rapporto tra l’imbuto formato dalla relatività provvisoria umana che doveva interpretare l’assoluto divino, e l’assoluto divino nella sua identità.

Nel tempo ho trovato la risposta ad entrambe le domande, ma oggi ho trovato un modo logico di rispondere alla prima domanda “Qual è il rapporto tra le caratteristiche che l’uomo ritiene giuste, e ritiene più degne di essere assunte nel rispetto dell’identità di Dio, e l’identità di Dio?” Questo è il seguente.

Premessa A: L’uomo contiene tutte le caratteristiche dell’individuo inteso in questa trattazione

Premessa B: Dio è tutto e il contrario di tutto

Premessa C: L’uomo è a immagine e somiglianza dei Dio

Conclusione D: Ogni caratteristica assumibile dall’individuo è propria di Dio

Conclusione E: All’uomo inteso come individuo piacciono le caratteristiche di Dio che gli corrispondono.

Queste proposizioni hanno il seguente schema:

 

Si può asserire che:

1) Domande anche solo lievemente differenti decretano la logicità o meno della risposta.

2) Lo stesso problema posto con due livelli linguistici differenti si suddivide in due sottoproblemi, ognuno appartenente alla sfera semantica corrispondente al livello linguistico utilizzato.

3) Ciò che unisce le due sfere semantiche è l’esperienza e la capacità di trarre conclusioni da essa

4) La capacità di trarre conclusioni a partire dall’esperienza dipende dal livello linguistico utilizzato (questo alla luce del secondo e soprattutto del terzo paragrafo è un paradosso).

5) Ogni uomo inteso come individuo si serve del linguaggio per spiegare il suo mondo

6) Questo strumento comune a ogni individuo in quanto uomo ri-unifica il problema precedentemente sdoppiato. (Questa è la risoluzione del paradosso)

7) La mia prima domanda è in realtà contenuta nella seconda. C’è una conclusione F comune ad entrambe le domande.

8. La risposta alla seconda domanda (ovvero dell’essenza stessa della religione intesa come attività umana e del rapporto linguistico tra uomo, religione e Dio) nella prossima puntata!





E dopo questo

25 09 2010

Io voterò per lui

– credo –





A me dell’Italia non interessa più niente

26 11 2009

Domenica stavo tornando da Padova, ero in un treno densissimo di persone e di odori che all’inizio mi ha fatto rimpiangere la rinite cronica.

Nella fattispecie ero di fianco a Laura, una spagnola stilista di abbigliamento per bambini, e Ivan, muratore, idraulico e tuttofare moldavo. Ci siamo messi a chiacchierare, perchè mi sono incuriosita quando ho visto la ragazza (signora forse) disegnare dei bambini angelici e vestiti in modo perfetto nonostante tutti i movimenti del treno. Lei lavora per Prenatal e per altre due o tre ditte famose di cui però non ho capito il nome. Ha studiato in Spagna, poi è stata qualche anno a Firenze per perfezionare la sua formazione, e adesso lavora e lavora bene. Sabato sera era stata a Gorizia a una manifestazione con una serie di concerti di vari generi musicali, ed era diretta a Parma.

Ivan invece è un muratore, lavora a Bologna da un pò di anni, sempre per la stessa ditta, e mi ha lasciato il numero in caso che qualcosa in casa non funzioni bene, perchè fa anche l’idraulico, l’elettricista e chi più ne ha più ne metta. Secondo me sarebbe capace di sistemare anche i ferri da stiro. Lui invece ha avuto una storia diametralmente opposta, perchè è venuto in Italia perchè in Moldavia c’è poco lavoro e il guadagno è insufficiente per una sopravvivenza dignitosa. E’ qui da 8 anni, non è mai tornato là un pò perchè ha paura di dover tornare là definitivamente e un pò perchè non vuole spendere soldi per andare in aereo. All’inizio stava a Padova, ma lo ricattavano in vari modi, dormiva in un tugurio e non riusciva neanche a mangiare regolarmente. E’ riuscito a trasferirsi a Bologna, adesso ha una camera, sono in casa in 8 o 9 (non ho ben capito), in una stanza c’è una famiglia, in bagno deve fare in fretta ma mangia, dorme comodo, e riesce a risparmiare qualche soldo da mandare in Moldavia. Lui la sera prima era stato  in un paese vicino al confine con la Slovenia in una discoteca, era andato a ballare così lontano perchè “li non ci sono casini”. Nelle discoteche di Bologna a suo dire ci sono frequenti episodi di coltellate e di risse, mentre quella è una discoteca per russi, è un circolo quindi basta fare la tessera e tutti pensano solo a ballare e a bere. Ovviamente non ha mai dormito, è uscito dalla discoteca e poi è stato con gli amici che ha conosciuto là, perchè ovviamente è andato da solo.

Ho realizzato che dei tre ero quella che aveva vissuto la serata più banale, osteria in centro a Bologna e poi un giro al cioccoshow. Con legge di Murphy integrata perchè per la seconda volta in due giorni tutti hanno mangiato cioccolato tranne me, della serie “quando la dieta ti potrà colpire lo farà”. Inoltre anche la mia vita scorre nella più ovvia normalità, viaggio poco perchè devo studiare e perchè non ho soldi, conosco i miei amici, cerco informazioni dal mondo sul computer non potendo farlo spostando il mio sedere.

A volte ascolto le radio inglesi o americane, e mi sento finalmente in un altro mondo, in un mondo normale, come se le cuffie e il pc mi proiettassero in un’altra dimensione, più consona a quello che a me servirebbe in questo momento. Io vorrei essere cittadina del mondo, invece abito in questo paese.

Un paese che è così impegnato ad analizzare le sue storture che è completamente fermo.

Io non so neanche cosa tengo questo blog a fare, purtroppo non posso neanche scrivere quello che sento in radio, primo perchè ho pochissimo tempo per ascoltare, secondo perchè dopo 10 minuti stacco il cervello, e senza la massima concentrazione capisco una parola su tre quando va bene. Non riesco più a scrivere di quello che succede in Italia, sono completamente nauseata. Ma forse il vero motivo è che non mi interessa più.

Non me frega niente di sapere quanti e quali contatti mafiosi ha tizio piuttosto che caio, non voglio neanche sapere quali giri ci sono dietro l’uccisione di due persone legate a un politico per via di una festa. Non trovo interessante il dibattito sulla pausa pranzo, francamente stanno estraendo  dal cilindro così tanti finti problemi e il livello è così basso che io non ce la faccio a entrare nel merito. Cosa dovrei dire io, che la pausa pranzo è sacrosanta ma che alcuni lavori è normale che a volte non la concedono (a me capita di saltarla, per i chirurghi è quasi una regola)? C’è bisogno di dirlo? Cosa me ne frega di interloquire anche a distanza con uno che apre la bocca per dire ste stronzate? Anche stare in silenzio aumenta la produttività, dovrebbe saperlo. Io non vedo l’ora di laurearmi, dopodichè chiederò alla mia prof di andare almeno un mese all’estero a fare almeno un tirocinio, ho voglia di respirare aria nuova, più che altro ho voglia di respirare.

Io non posso più fermarmi ad analizzare le storture di questo paese, io devo proseguire per la mia strada.





L’eterna diatriba tra scienza e religione

15 11 2009

punto-di-domanda

Io la diatriba tra scienza e religione non l’ho ancora capita.
Questo litigio continuo, che si interrompe solo quando dobbiamo affrontare problemi ben più gravosi come ad esempio la rabbia dell’orso Knut, prosegue da secoli, ed è incredibile che ancora nel terzo millennio la faccia da padrone nella scena intellettuale.
Io ancora mi chiedo come sia possibile un antagonismo tra due cose diverse, che hanno finalità e modalità diverse.
La scienza si occupa della spiegazione del tangibile, o di ciò che non lo è per i nostri sensi ma che aggregandosi combina qualcosa. La scienza si occupa del reale, della materia e di ciò che la muove, dei processi con cui muta la realtà e della categorizzazione secondo criteri che devono essere possibilmente efficaci, semplici, esaustivi, coerenti. La scienza ha come metodi l’inferenza sperimentale quando è possibile, e la matematica, la logica e la coerenza per i modelli teorici non verificabili sperimentalmente (se non con apparecchi che costano miliardi talmente vulnerabili da rompersi con una briciola di pane).
La religione è un filtro per la fede che un essere umano può avere nei confronti dell’esistenza di qualcosa di superiore e intangibile. La religione si occupa della spiegazione della trascendenza, di ciò che è sopra la realtà, di ciò che è per definizione irrangiungibile. La religione ha come metodo la diffusione di scritture tramandate nei secoli, la creazione o l’utilizzo di dogmi spesso dettati da queste scritture, l’atto di fede, di estrema fiducia, che nasce da domande per cui la risposta migliore può essere quella fornita da una religione piuttosto che da un’altra. La religione filtra la fede secondo criteri che dipendono dalla cultura di una certa area geografica, secondo la storia, secondo varie necessità.
Perciò non è poi così difficile capire che queste due “discipline” si occupano di problemi posti a livelli diversi, difficili da confrontare. Per giunta usando metodi diametralmente opposti.
La piramide di Maslow sui bisogni dell’uomo è costruita in modo che se non si supera il livello base non si può accedere al successivo, fino all’ultimo. Alla base della piramide ci sono i bisogni fisiologici, il che significa che finchè questi non sono soddisfatti l’uomo non si porrà altri interrogativi. Il secondo bisogno fondamentale è quello della sicurezza e della protezione.
L’ultima necessità, la più alta, che costituisce la punta della piramide è quella  della moralità e della trascendenza. Ora, è chiaro che l’unico modo per conciliare il bisogno della trascendenza con la scienza sarebbe credere nel dio atomo, ma francamente se un giorno comparisse una teoria molto più convincente e corretta del modello atomico sarebbe un bel casino per quegli adepti.
Quello che voglio dire è che se la trascendenza è sul gradino più alto ed è l’unica cosa ad occupare quel gradino qualunque altro interrogativo sarà su altri gradini più in basso nella piramide, e quindi per la scienza vale lo stesso assunto.
Quando nella scienza (o meglio nel cervello di alcuni scienziati) vengono introdotti sistemi dogmatici va un pò tutto all’aria, e così succede che ad esempio super professori di medicina neghino determinati fenomeni perchè contraddicono quello che loro sanno, per rafforzare le loro posizioni tacciano questi assunti come “non scientifici”, quando sono pubblicati sulla letteratura scientifica accreditata, e si pongono in modo fideistico vanificando il lavoro di chi invece utilizza il metodo sperimentale, che in medicina ad esempio sarebbe ancora ottimo.
Quando nella religione (o meglio nel cervello di molti religiosi) vengono introdotte domande che riguardano la realtà delle cose o una sua possibile spiegazione, accade che si affermino cose anacronistiche e già falsificate, come ad esempio la teoria creazionistica secondo cui tutto ciò che riguarda le specie degli esseri viventi e il rapporto tra loro rimane immutato. L’ultimo esempio che mi viene in mente è quello della risposta che un illuminato sacerdote ha dato sull’esistenza o meno di altre forme di vita nell’universo. E’ giunto alla conclusione che esistono altre forme di vita perchè Dio non può aver creato solo noi, però Cristo è unico e sempre lo sarà, per cui l’unico Cristo dell’universo è venuto sulla terra. Ora, sul fatto che esistano altre forme di vita dato quanto è grande l’universo direi che è probabile e che non c’è bisogno di un sacerdote statistico per confermarlo, e sul Cristo che è unico francamente non so come sia arrivato a collegare le due cose. E’ questo il punto, che non c’entra niente la forma di vita verde con gli occhi grandi che gira a bordo di dischi volanti con l’unicità dell’incarnazione umana di Dio.
Quando la scienza comincia a usare criteri dogmatici e quando la religione comincia ad appropriarsi di interrogativi scientifici nasce il vero problema, causato dal fatto che per impadronirsi di una conoscenza (vera, falsa o inverificabile che sia) il sistema -in questo caso religioso o scientifico- si deforma a tal punto da non possedere più un metodo fortemente tipizzato, necessario invece per comporre inferenze non dico logiche ma almeno coerenti.
Perciò un pò mi fa ridere quando si creano contrasti che sono irrisolvibili per il semplice fatto che non sono reali, e che creano la base per discussioni che hanno poco senso di esistere. Mi sembra quantomeno strano che sia un paradosso ancora irrisolto.





Conflitto di interessi, scena 4: “Ciak, si gira!”

15 09 2009

il_giornale_pais

Cavoli è un mese che non scrivo! Sarà meglio che torni a darmi da fare!
Mi sembra che il calderone politico attuale meriti il primo post dopo la pausa estiva…
Torna infatti alla ribalta il conflitto d’interessi, anche se nessuno osa più chiamarlo così perchè incapperebbe in accuse di “antiberlusconismo”, e poi è un epiteto così antiquato e out…
La RAI è completamente sottosopra a causa dell’ostruzionismo nel rinnovo dei contratti e nella messa in onda di tutte le trasmissioni non allineate. Infatti ad Annozero hanno annullato i contratti a collaboratori storici, il contratto a Marco Travaglio è in via d’approvazione, non stanno mandando le pubblicità che comunicano la data d’inizio e il giorno in cui dovrebbe andare in onda il programma. Stessi problemi per il rinnovo di contratto a Fabio Fazio, non certo un leone coraggioso che dice in tv quel che pensa, svariate volte si è dissociato dall’opinione dell’ospite presente, scusandosi coi vertici RAI o più semplicemente parandosi il fondoschiène.

Per quanto riguarda Report invece sta girando una notizia per cui sembra che la RAI non voglia più garantire una copertura legale ai giornalisti del programma, che dovrebbero pagarsi le spese giudiziarie in caso di querela. Però  ricordo che quando c’era stata la querelle Barnard-Gabanelli il giornalista si era proprio lamentato del fatto che lui non godeva di copertura legale, mentre la Gabanelli (in quanto conduttrice quindi più esposta) si. Quindi francamente non so quanto la notizia sia vera, è possibile che Barnard fosse un esterno e quindi non tutelato per questo motivo, mi sembra l’unico modo per spiegare la cosa.
E’ poi sotto gli occhi di tutti lo spostamento di Ballarò per far spazio a Bruno Vespa e al suo caro amico Berlusconi, impiegati nella pubblicità sulle 74 case (74! Neanche fossero 2000!!!) disponibili per gli abitanti di Onna. Case peraltro donate dall’efficiente Trentino, che costano un terzo rispetto a quelle della protezione civile e sono pronte prima. Ballarò è stato spostato per evitare che un buon 10% di spettatori che si interessano di politica finisse sul canale sbagliato. Stessa sorte è toccata a Matrix, slittato perchè il premier interverrà a Porta a Porta in seconda serata (così ha dichiarato Vespa), e proprio i suoi elettori mediasettiani non potevano perdersi l’evento!
La buona notizia è che Franceschini si è dissociato da questo tetro tentativo di scimmiottare la par condicio dicendo chiaramente che non vuole essere complice della spettacolarizzazione e della strumentalizzazione della tragedia, e quindi non sarà presente in studio.
Come se ciò non bastasse, la RAI è alla vigilia della nomina del nuovo direttore del Tg3, e i giornalisti sono giustamente preoccupati, temono l’ennesima nomina comoda al governo…Come se non bastasse Minzolini, che ha reso il Tg1 ancora più inguardabile, impresa che sembrava impossibile.
La cosa interessante di tutte queste vicende è che se ne parla perchè stanno accadendo tutte contemporaneamente. E’ da anni che siamo abituati a un colpo, massimo due per volta, inferti alla democrazia, e ci siamo abituati credendola una cosa non dico normale ma inevitabile, e soprattutto non troppo influente sugli ingranaggi della democrazia. Oppure abbiamo avvertito il pericolo ma senza darci troppo da fare con le proteste. Esattamente come le famose aragoste che non si accorgono quando l’acqua si scalda. Ma adesso la temperatura si è alzata troppo di colpo, e anche noi lobotomizzati dalla tv e da facebook ci stiamo accorgendo delle scottature sempre più dolorose.
L’altra cosa paradossale è che se questo argomento è così in voga è anche grazie Feltri e al suo giornale.
Anche il parlamento è abbastanza sconquassato dalle dichiarazioni di Fini che hanno provocato una certa agitazione nella maggioranza, non più abituata a parlare di certe cose tabù come la laicità o il voto agli immigrati.
E così Feltri, dopo aver scritto articoli infamanti su Boffo, direttore dell’Avvenire, secondo me a causa della “bacchettata” per le impudiche marachelle di Berlusconi, costringendolo alle dimissioni (c’è da dire che non è sembrato che i vertici ecclesiastici fossero così dispiaciuti per la cosa), ha estratto un’altra perla. Feltri di fatto ha minacciato Fini dicendogli chiaramente “o ti allinei o vai a sinistra”, e poi ha dichiarato che è in possesso di un dossier in cui si parla di frequentazioni col gentil seso a pagamento nel 2000.

Ma quanti dossier possiede Feltri, deve avere dei cassetti immensi!

Poi è una minaccia praticamente mafiosa, un ricatto pubblico al presidente della camera, mica il primo parlamentarino che arriva e pensa di cambiare il mondo.
Fini ha querelato il Giornale, sottolineando che è assurdo che un attacco così venga da un giornale di proprietà del premier e che lui non dica una parola. Come a dire “guarda che io non ci sto a cadere nella trappola del tuo conflitto d’interessi, gli altri li puoi fare a polpette, ma non toccare me! E poi mi sono stufato anche delle polpette, governa lealmente se sei capace”.
Prima ho guardato sul televideo tutte le dichiarazioni dei politici in merito a queste “tensioni” (io le chiamerei incazzature fumanti) tra Fini, Berlusconi e la Lega. La maggiorparte dei parlamentari (tra cui anche Tremonti e Bocchino) sostiene la necessità di un confronto sulle posizioni di Fini, però poi giusto per stare nel mezzo dice che “non c’è nessun problema tra Fini e Berlusconi”, che è esattamente quello che vorrebbe far credere Berlusconi. Gli unici che mi sembrano molto incazzati e irremovibili sono i leghisti, furiosi per la proposta di Fini di far votare gli immigrati. Poi c’è Cicchitto, che ha difeso Fini dall’attacco del Giornale, e che però ha subito precisato “non fraintendete, io difendo anche Berlusconi dalle accuse di Repubblica” come a dire “la stampa non si occupi dei nostri affari interni, parlate d’altro porca miseria”.
Mi piace molto che si stiano sviscerando tutti i conflitti latenti tra la Lega federalista, l’ex Alleanza nazionale in evidente contrasto con la “logica” populista della lega e l’ex Forza Italia in cui tutti sembrano impauriti dalle reazioni scomposte di Berlusconi, e si tutelano dandogli ragione come possono. E mi piace anche che finalmente è chiara la logica egemonizzante del nostro più grande premier di sempre (oh, se l’ha detto lui sarà vero!) anche ai suoi “alleati”, c’è un tutti contro tutti che è così stimolante!
La verità secondo me è che tutti si sono stancati di Berlusconi, di esser messi continuamente in ridicolo per le sue vicissitudini pubbliche e private, di dover stare alle sue regole e ai suoi dettami senza se e senza ma. Secondo me eccenzion fatta per Bondi nessuno lo difenderebbe neanche con la postilla finale “non fraintendete, io sto con lui”, e in particolare i parlamentari di An (secondo me gli unici della maggioranza con un residuo di cervello) sono stufi di allinearsi a questa finta politica, che è finta perchè non so da quanto tempo è che non si parla di leggi, di riforme, di cose concrete. Tutti hanno paura di perdere i propri elettori dotati di neuroni residui.
Insomma, Berlusconi sembra accerchiato, c’è chi sostiene che esiste un piano USA per far cadere il governo, ma francamente la trovo un’ipotesi quantomeno improbabile, e considerando chi è il soggetto sono doppiamente diffidente. Secondo me forse Berlusconi ce la farà anche stavolta, ha l’appoggio della Chiesa (ma serve un altro post perchè sono diversi accadimenti e scambi dialettici e di favori), delle tv e di quasi tutta la carta stampata, compreso il mitico Vittorio Feltri con cui sembra che non parli mai, si vede che sono telepatici, vorrei avere un dossier che spiega come fanno a intendersi alla perfezione senza bisogno di parole.
Però è possibile che Fini e i 50 ex deputati di An decidano di scindersi dal PDL, smantellando il partito che esiste solo da 4 mesi, fondandone uno nuovo magari con l’alleanza di Casini. Se le idee rimanessero quelle di Fini di quest’ultimo periodo potrei anche valutare un voto in suo favore, sperando che non si uniscano Casini e i cattolici al seguito perchè non se ne può più!
Nel frattempo, intanto che seguiamo gli sviluppi fantapolitici, è utile seguire le vicende dei contratti in RAI, perchè forse la  conclusione più azzeccata  è “con quest’informazione, povera Italia”.

(L’aveva già detto qualcun altro??? Non ricordo…)





Tanto fumo e niente arrosto

16 07 2009

filosofi_2

Il titolo per questo post è una frase popolare, di quelle facili facili da ripetere non appena si presenta l’occasione per riassumere un concetto in modo tanto immediato quanto semplicistico.

Già, perchè sono un pò stufa di milioni di discorsi sofisticati in cui si guarda più alla forma che alla sostanza (tanto per riportare un altro luogo comune). Farò alcuni esempi di situazioni attuali in cui secondo me noi (e con noi intendo noi che bazzichiamo per internet in cerca di notizie un pò serie e un pò più logiche di quelle che popolano la tv) abbiamo badato più alla forma che al contenuto, più ai fronzoli che ai fatti.

Il primo esempio che mi viene in mente è quello del vaticanista del Tg3 (Roberto Balducci) licenziato per la battuta sui quattro gatti che ascoltano il Papa. In tanti si sono lamentati della battuta infelice, della facile ironia, ma in pochi hanno sottolineato che un licenziamento per questo motivo è proprio tipico della censura DC anni ’60, o anche peggio. E’ un semplice abominio questo fatto, è ingiustificabile un provvedimento del genere per una semplice considerazione fatta in merito al filmato che mostrava poche persone in Piazza San Pietro a causa del caldo africano. (A proposito, è emergenza caldo, andate al mac donald solo di sera, a pranzo una bella insalatina con poco olio).

Un’altra battaglia tra le varie posizioni è in merito alla protesta dei blog per il nuovo ddl Alfano, che tra le altre cose prevede che il proprietario del blog debba rettificare (rettificare, che verbo fascista!) entro 48 ore dalla segnalazione se un qualsiasi commentatore scrive qualcosa di sgradito al segnalatore di turno. Se questa non è censura dite voi cos’è, è una cosa gravissima e antidemocratica. Bene, c’è chi ha protestato perchè chi lanciava la proposta aveva fatto un logo osceno ma prima aveva aspramente criticato il logo di Magic Italy, e quindi non poteva risultare credibile, o chi ha storto il naso perchè non c’erano notizie comode sul testo del ddl, come se in altre situazioni non si schernisse chi non si cerca le notizie accontentandosi della tv.

Parliamo poi di Beppe Grillo, tutti che parlano dei suoi modi burberi e della sua ignoranza (tra l’altro è impossibile che uno che vuole diventare segretario di un partito non abbia letto lo statuto), e nessuno che pensa che comunque quel geniaccio del male in ogni caso ha vinto, e che il pd è allo sbando.

Ma il pd è veramente allo sbando? A volte mi chiedo se siamo noi quelli incontentabili: Franceschini alla fine è abbastanza giovane, cioè non è vecchio, che è già un passo avanti, contrasta le (ridicole) asserzioni del centrodestra entrando nel merito delle questioni, fa opposizione come può considerando che non ha spazio in tv e che di fatto nel suo partito gli sono tutti contro (vedi i soliti D’Alema e Rutelli). Insomma, cosa pretendiamo che faccia un partito costretto a fare opposizione a chi detiene il 90% dell’informazione?

Ecco, questi sono tutti esempi per dimostrare che la crisi della dialettica in un certo senso ha colpito tutti, la maggiorparte è affetta dalla sindrome del luogo comune, la minoranza invece è affetta dalla sindrome “sii più preciso che puoi nelle tue argomentazioni” che da un lato ha portato sicuramente a una finezza logica maggiore, dall’altro purtroppo può comportare fronzoli che rischiano di nascondere il reale significato delle cose, che spesso è più semplice di quel che sembra. Voi di cosa siete malati? Io di entrambe le malattie, credo.