La crudité de la rationalité

4 03 2015

Ok. Non volevo farlo ma lo farò. Sta per arrivare la mia personale super-cazzola sul vaccino del morbillo. Vi riporto solo dei dati. Ufficiali. Dell’OMS. Ne vedrete delle belle. Il problema è questo: io odio le ideologie. Odio a chi crede a tutto solo perchè l’ha trovato su siti improbabili e odio i medici e chi dovrebbe dare pareri tecnici che cita altri articoli di giornale che non contengono numeri ma solo una campagna mediatica. Detesto chi vede in bianco o in nero senza porsi delle domande. Odio che al posto di analisi razionale di fatti/dati (dopo domanda personale sul ruolo che si ha nel determinare quali dati raccogliere, come e come analizzarli) si manipoli o si venga manipolati come degli stupidi incapaci di pensiero razionale.

Non voglio entrare nel merito del discorso vaccinarsi-non vaccinarsi primo perchè io voglio fare un discorso razionale basato sul metodo e sui numeri duri e crudi e secondo perchè non sono direttamente interessata, non essendo né una pediatra né una madre. Voglio fare un discorso di metodo e non di merito. Mi sono ritrovata a dover rispondere a dei commenti con attacchi personali su un blog di un quotidiano nazionale dove un professore di biochimica (!) ha scritto la sua sul problema delle persone che non vaccinano i figli per il morbillo, ovviamente non citando un dato che uno, e giustificandosi scrivendo che per quello esistono le riviste specializzate. Poi come si faccia a “redimere” quelli che lui chiama creduloni costringendoli a credere a un’ideologia diversa, ma sempre senza citare un fatto che uno, non si sa. Quindi ho studiato, e sono andata a vedere il report della OMS (WHO), che analizza e confronta il periodo pre-2000 e poi il lasso di tempo tra il 2000 e il 2013. Ora i dati, tradotti per voi in italiano:

– nel 2013 ci sono stati nel mondo 147500 morti per morbillo (quindi non è un numero nullo e neanche così basso)
– nel 2013 l’84% dei bambini al mondo è stato vaccinato contro il morbillo, contro il 73% del 2000. (quindi il trend del numero dei vaccinati è in crescita, ignoranti tutti, e non in diminuzione)
– le morti per morbillo sono calate del 75% dal 2000 al 2013. Da questo deduciamo che siccome le vaccinazioni sono arrivate all’84%, non tutti i vaccinati sono sopravvissuti, essendo 84>75. E non di poco.
– il vaccino si stima che abbia ridotto la mortalità di 15.6 mln di bambini (dato stimato sulla base del fatto che prima del 1980 il morbillo causava 2,6 mln di morti all’anno).
– Il 15% dei bambini non risponde alla prima dose del vaccino.

Ovviamente vi linko anche l’articolo in modo che possiate verificare di persona. Quello che manca (e che sostengo andrebbe fatto, ma sono stata criticata come se la mia non fosse un’affermazione normale) è:
– valutazione del 2014 e in futuro del 2015 per capire veramente se questo trend si è modificato o se si è innescata una campagna mediatica.
– rivalutazione delle percentuali e incidenza di complicanze (e quali) perchè francamente l’aggiornamento al 1980 è un po’ troppo datato. Bisogna capire dove e come si muore ancora di morbillo, con le condizioni igieniche e sociali attuali. Voglio sapere se la mortalità è ancora dell’1 per mille, qual è la percentuale dell’encefalite e così via.
– studio sull’efficacia del vaccino e su eventuali effetti collaterali in uno studio prospettico che duri da adesso almeno 10 anni.
– studio che analizzi il fatto che il vaccino di fatto viene commercializzato come complesso, è molto inutile dal punto di vista scientifico che parliamo di vaccino di morbillo quando viene somministrato anche con quello di parotite e rosolia.

Mi è stato citato un articolo da pubmed su un’importante rivista scientifica a supporto della tesi che i vaccinati sono calati e che questo sta causando il ritorno della malattia, peccato che nell’abstract non ci sia un numero che uno. E senza numeri mi dispiace, ma è ideologia. Per conto di chi non si sa, in ogni caso è fuffa. E, più mi addentro nella scienza e mi documento, più mi rendo conto che la razionalità risiede molto più nella filosofia che nella scienza moderna.

Annunci