Per una notte la RAI

25 03 2010

Sono appena tornata da piazza Azzarita a Bologna, sede del famoso Paladozza. Ovviamente non sono riuscita a entrare, ma mi sono goduta la visione dal maxischermo in piazza. Eravamo in tantissimi, ed era la prima volta in cui nessuno aveva una bandiera partitica in mano. Tutti tranquilli, ovviamente, ma questo non è neanche da dire, dato che pare scontato sottolineare la placidità della gente che va a guardare il cinema in piazza.

Ho notato che sono un pò reticente nei confronti della piazza che applaude a tutti i costi, mi sembra sempre lo stesso problema della massa che segue il leader di turno. Devo dire che all’inizio ero un pò circospetta, ma poi ho notato che quella piazza non ha mai applaudito tanto per, eravamo tutti in ascolto, tutti ben consapevoli. Tutta gente normale andata li per guardare una trasmissione in compagnia, per godere di quel servizio pubblico che ci hanno tolto, con la libertà di chiacchierare tra amici come si fa ogni volta che si esce o che si guarda la tv insieme.

(Tra l’altro il bello è che fondamentalmente pago il canone per l’informazione e per lo sport. Considerando che l’informazione è praticamente annullata e che grazie alle tv satellitari ormai anche le olimpiadi hanno i tempi contati, posso ritenermi un’abbonata abbastanza insoddisfatta! Stasera ho scioperato come gli altri abbonati rai e sono soddisfatta)

E’ stato assolutamente allarmante l’inizio, in cui hanno mostrato alcune analogie tra il fascismo e l’attuale era “democratica”, e poi Santoro ha fatto un appello accorato a Napolitano. Poi tutto è cominciato normalmente, quasi nell’auspicio che si proseguisse con una normale puntata di annozero.

Mi è piaciuta molto l’unione dei giornalisti, finalmente sembrano d’accordo sulla difesa della libertà d’informazione, cioè sulla difesa del loro lavoro. Tutti parlano non più in toni molto pacati, ma dicono le cose come stanno, era anche ora. Anche Floris sembrava un leone, non me lo aspettavo! Ognuno ha utilizzato il suo linguaggio, il suo modo di parlare, ha analizzato la situazione dal suo punto di vista, in modo pienamente libero, ma si percepiva l’unione d’intenti.

Se devo dire i migliori, ovviamente Travaglio, ma soprattutto Luttazzi. Lui si è sentito finalmente alla RAI, ha fatto un pezzo veramente divertente, satira pura che avevo sentito in teatro ma che non mi aspettavo di poter ascoltare in rai. Dopo 8 anni è successo, già questo è buon segno! La sua battuta più fantastica: “Minzolini, no come si chiavama quell’altro? Masi, e quell’altro? Berlusconi, hanno fatto un uso criminoso della tv pubblica. Erano 8 anni che aspettavo di dirlo…” Detta da lui è stata veramente fantastica!

Mi divertirò nei prossimi giorni a fare una stima dei partecipanti in piazza, utilizzando il sistema della questura. Ah, ho verificato che effettivamente la stima delle 4 persone per metro quadro è più che ragionevole, per stare in 5-6 bisogna impersonare le sardine. Intanto Santoro ha parlato di 120000 accessi unici contemporanei dal sito raiperunanotte.it, e repubblica.it ha segnato 60000 accessi, che hanno saturato lo streaming.


Azioni

Information

4 responses

26 03 2010
davide

Cara Sara,

ho visto ieri Santoro e gli altri ed è stata una trasmissione molto interessante.

In questi giorni ho seguito i vari telegiornali (tg1, tg5 ecc.) con una certa frequenza. Ebbene non ho mai visto una televisione cosi faziosa e asservita al governo. Per la prima volta mi sono vergognato di aver votato Berlusconi alle ultime elezioni politiche.

Ciao Davide

27 03 2010
Sara

Ciao, non posso che pensarla come te. Ho altri amici di destra che sono d’accordo con te, il che dal mio punto di vista significa che il signorino ha proprio esagerato.
La cosa più grave però è che lo scopo di tutti questi interessi su queste continue censure è per lui rimanere al governo, in modo da non saldare i suoi debiti con la giustizia. Per fare ciò ha anche bloccato completamente la macchina giudiziaria, ha fatto non so quante leggi ad personam, e adesso non si sta occupando dei problemi del paese.
Questa è la cosa più grave, ritengo che l’inciviltà e la barbarie sul luogo di lavoro siano in assoluto l’involuzione più grave in questi ultimi anni. Ormai i lavoratori elemosinano un lavoro, e molto spesso i dirigenti sembra che lo concedano per fare un favore, non c’è nessuna dignità professionale. Penso anche che questa insieme allo spirito critico che ormai non c’è più sarà la cosa più difficile da recuperare.

Comunque, dato che manca solo un giorno alle regionali, e che non abbiamo potuto approfondire i programmi dei candidati, evidentemente questi signori hanno deciso di continuare su questa linea occupando il loro tempo per spulciare tra le carte di Santoro, il loro prossimo obiettivo non è pensare ai lavoratori o ai disoccupati ma bensì licenziare questo giornalista che di per sè mi sta antipatico ma che è da difendere fino in fondo.

http://www.repubblica.it/politica/2010/03/27/news/masi_santoro-2932068/

30 03 2010
Salazar

Il problema è che le “gabine” elettorali hanno registrato 25.000.000 di accessi unici, non contemporanei. Solo 100 volte di più grazie alle televisioni quelle vere, le Mediarai, ovvero i sanguinari sei canali dell’Apocalisse, quelli che pompano gigawatt e gigawatt e gigawatt di Berlusconi dentro a tutte le case.
Specialmente dentro alle case degli ignavi.
Si racconta che su alcuni tetti, al mattino presto, ci siano svariate macchie di fondotinta sparse a pelle di leopardo, su altri tetti le antenne tivvù si stanno ricoprendo di una strana peluria, non si capisce se sia muffa o se siano capelli in finta plastica.
A chi dice che non è educato sparare nell’etere gigawatt tanto subdoli si può controbattere che la tivvù, da che mondo è mondo, mai ha spostato un solo voto. Ricopre di fondotinta i tetti, si, di pelucchi fastidiosi le antenne, si, ma mai fondotinta e pelucchi riescono ad entrare negli scaltri cervelli degli italiani.
Eppoi eppoi eppoi, ma non avete visto? Non avete notato quella circostanza che tanto solleva gli animi e fa gioire: la destra ha vinto al nord nelle regioni della Lega e al sud in quelle delle mafie: le essenze culturali più alte e più preziose di questa limpida Italia del terzo millennio.
E i sovversivi continuano a dire che gli italiani si sono completamente rincoglioniti, ma come si fa??!

PS: anche Renzo Bossi è stato giustamente eletto. Non vedo l’ora di sentire il suo primo, epocale, discorso alla Regione Lombardia. Altro che Obama animale da palcoscenico, qui vedremo colare la classe pura.

4 04 2010
davide

Cara Sara,

tanti auguri di buona pasqua.

Ciao Davide

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger cliccano Mi Piace per questo: