Il G8 raccontato dagli aquilani

9 07 2009

yes we camp 016

Da ieri i leader mondiali sono approdati all’Aquila, città fantasma. Tra richieste di espulsione dal G8 e dichiarazioni che parlano di “Italia con forte leadership” ho scelto di postare l’articolo di miskappa, aquilana di cui avevo già pubblicato una tragica testimonianza.

Interessante e partecipato il Forum sociale sulla ricostruzione che si è tenuto nella giornata di ieri al Parco Unicef, promosso dai comitati cittadini. Due le sessioni: emergenza democratica e ricostruzione dopo la crisi. Si sono avvicendati interventi toccanti e duri dove si è fatto il punto sull’abbassamento del livello di democrazia che si manifesta in maniera eclatante nell’Aquila del dopo terremoto, ma che è evidente in tutta l’Italia. E non di ricostruzione materiale si è parlato, ma di quella sociale del territorio, e di dignità dell’uomo, e di partecipazione attiva alla propria comunità. Economisti, sociologi, sindacalisti, giornalisti e portavoce dei comitati sono convenuti sulla ricostruzione che parte dal basso, attraverso la partecipazione diretta e democratica dei cittadini, contro la shock economy che intende lucrare sul ghiotto bottino della ricostruzione. E padre Alex Zanotelli ci ha incoraggiati con parole semplici e voce pacata “uomini e donne hanno un volto, un cuore e la loro dignità. Questo vale per il mondo, questo vale per voi. Che vinca l’umanità. Un’ umanità che deve trovare forza dal basso. Chiediamo ai grandi della terra non aiuti, ma l’imposizione di un metodo di giustizia. E che non vinca il profitto”
Dopo una nottata insonne, gli elicotteri sulle nostre teste volavano bassi ed incessanti, stamani siamo andati ad apporre la scritta “yes, we camp” sulla collina di Roio. Di fronte, in linea d’aria, alla blindatissima area del G8. Tragitto impervio, a piedi, sotto il sole cocente.Tutti i permessi chiesti ci sono stati negati dalla questura. Per noi Aquilani non c’è spazio in questo G8. Nel pomeriggio i comitati cittadini si sono riuniti in assemblea. Per decidere cosa fare, come manifestare il nostro dissenso, nonostante i divieti. Domattina le first lady visiteranno il centro, per cui la nostra richiesta per il presidio alla villa comunale è stata rifiutata. Ma noi ci saremo, fin dove ci faranno arrivare. Ad affermare che la città è nostra. Nel pomeriggio, alle 15, quando loro ci hanno ammessi in centro, a riflettori spenti e prime signore al sicuro, si procederà, invece, alla requisizione simbolica di uno dei tanti palazzi agibili e sfitti. Vogliamo gli sfollati fuori dalle tende. Subito. E gli Aquilani a L’Aquila. E la nostra dignità rispettata. Dopo l’animata assemblea, siamo partiti alla volta di Piazza d’Armi, in tempo per il corteo di auto dei potenti che avrebbero varcato la cinta muraria della nostra storia. Per mostrare loro che noi resistiamo, che non andremo via. Enorme spiegamento di forze dell’ordine che, quando le blindatissime auto blu son passate, scortate da camionette con uomini in passamontagna, armati fino ai denti,ci ha completamente celati alla visuale dei grandi. Noi abbiamo urlato. Ci siamo, nonostante tutto. Eravamo pochi, ché la maggior parte sono andati via per paura, pochi, e osteggiati anche da uno sparuto gruppetto di sedicenti Aquilani, ma c’eravamo. E ci siamo. Tornati al Parco Unicef, dove i ragazzi del comitato 3e32 sono riusciti a creare l’unico spazio di democrazia in questa città, ormai landa desolata, terra di nessuno e di conquista, ci siamo dati l’appuntamento per domattina alle nove.
Concludo con una nota personale, permettemela. Ieri sera, mentre vagavo nella città deserta, ho incontrato un uomo giapponese vestito con un kimono. Accompagnava i suoi passi con il rullo di un piccolo tamburo e portava in mano uno striscione ricamato che recava scritto “pace fraternità ed armonia”. Lì, tra le pietre della mia vita, a pochi chilometri dal luogo dove la farsa dei potenti che affamano un miliardo di persone si consumava, con gli elicotteri sulla testa,per la prima volta dal sei aprile, ho pianto.

Azioni

Information

6 responses

11 07 2009
luciano61

Nel Friuli, dopo il terremoto del 1976, la gente si è data da fare subito, ricostruendo le case e i paesi senza aspettare l’intervento dello Stato e senza il solito vittimismo statalista… ma l’Abruzzo non è il Friuli!
Sul tema G8 si deve osservare (e ciò darà fastidio a chi è catastrofista per natura) che non ci sono stati problemi e/o violenze, forse i ‘movimenti’ no-global sono stati anche loro ‘sinistrati’ dai ripetuti terremoti interni dei loro esponenti, ormai globalizzati con il potere e con le loro sicure rendite maturate come politicanti di lungo corso e qui non c’entra la solidarietà con gli abruzzesi, ma la perduta coerenza politica: meglio così!.

11 07 2009
simona_rm

già, l’abruzzo non è il friuli, ma soprattutto il 1976 non è il 2009, dove per costruire nuove case c’è bisogno di una cosa chiamata licenza edilizia, dove per ristrutturare c’è bisogno di una DIA, dove per spostare anche solo un mattone c’è bisogno di 2 visti, 3 nulla osta e la benedizione del municipio di pertinenza.
Prima della legge sull’abusivismo, ognuno faceva praticamente ciò che voleva sulla propria terra. Oggi questo principio vale solo per berlusconi e la sardegna.
I friulani hanno ricostruito le loro case perchè le avevano già costruite pietra su pietra, ed erano di loro proprietà. In abruzzo, gli sfollati nelle tende, non hanno nemmeno accesso alle loro case e la proprietà di queste -prima del terremoto- la condividevano con le banche con cui hanno contratto mutui trentennali ….. e che dovranno continuare a pagare!! Perchè le banche vorranno comunque essere liquidate, non sanno che farsene delle macerie.

Trovo l’esempio del friuli alquanto fuori luogo, per le evidenti differenze sociali e legali che si sono create in 30 anni; sinceramente potevi sforzarti di andare un po’ al di là della critica sulla differenze culturali, che spesso, difronte a catastrofi naturali si annullano. In conclusione, da ciò che hai scritto, viene fuori il ritornello leghista per il quale il nord del paese è una regione virtuosa, il sud invece è il parassita dell’organismo Italia.
Niente di personale.

11 07 2009
luciano61

Hai ragione, cara Simona, soprattutto quando ricordi che sono passati più di 30 anni dal terremoto del Friuli e mentre in questa Regione del Nord-Est c’è stata una legge regionale antisismica con precisi vincoli edilizi, in altre regioni l’abusivismo e i condoni edilizi (dati da Governi di Sinistra e di Destra lungo questi 30 anni) hanno solo creato le fragili fondamenta per ulteriori dissesti idrogeologici, senza alcun piano antisismico serio… tanto poi ci sarà sempre lo Stato ad intervenire e questo Te lo dico per esperienza diretta, avendo una sorella che vive a Roma e dove prima si fa l’abuso (senza rispettare le regole) e poi si chiede il condono (e lo si ottiene).
Non è un ritornello leghista: il Nord è diverso per mentalità e per serietà civica; in quanto ad esponenti politici, invece, anche il Nord assomiglia molto al ‘volemose bene’ della mentalità romana e istituzionale…
Per chiarezza🙂

12 07 2009
Salazar

Luciano, sei tu il friulano che ha scaricato la calibro 22 sul computer?

12 07 2009
luciano61

No, il mio computer funziona bene…
Ciao🙂

12 07 2009
luciano61

… e comunque è meglio ‘scaricare’ su un computer la propria rabbia che su altre persone come scrive Saviano su ‘Gomorra’… ma lì non è Friuli…😦

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger cliccano Mi Piace per questo: