I Bigol e l’evoluzione

23 03 2009

darwin_beagle

Diciamocelo: la vita del blogger dilettante è una vitaccia.

Poca voglia di scrivere ma senso del dovere nei confronti dei due lettori abituali, ore e ore passate a scegliere il tema del post districandosi tra migliaia di temi d’attualità, come Berlusconi e i condon o come il Papa e i condom.

Stasera la mia scelta è dettata da tre eventi che mi sono capitati in breve tempo:

1) il ritrovamento sullo scaffale del soggiorno del numero di “Le scienze” di febbraio, lo speciale sull’evoluzione

2) la scoperta che la Moratti 5 anni fa aveva tentato di eliminare l’evoluzione dai programmi scolastici, ma poi confrontandosi con un gruppo di esperti ha cambiato idea

3) la puntata di stasera dei simpson che riguarda proprio la cancellazione dell’evoluzione dai programmi scolastici e il successivo processo a Lisa che si ribella a ciò.

Il bello è che quando ho scoperto del decreto legge della Moratti, cioè ieri, per raccontare il misfatto alla mia coinquilina le ho chiesto “ti ricordi la puntata dei simpson in cui tolgono dalla scuola l’evoluzione?” …Quindi ho pensato che questa coincidenza temporale andasse sfruttata.

Ora rimane da spiegare il titolo: il mio medico di base mi ha detto  scherzando che gli inglesi hanno chiamato i cani “Beagle” perchè quella era l’unica razza che non si opponeva troppo veementemente alle ricerche medico-biologiche, e in mantovano Bigol (riferito ai Beagle) si dice a uno stupido credulone. Ed è curioso che Beagle sia anche il nome della nave che ha permesso a Charles Darwin di scoprire le nuove specie di fringuelli arrivando poi a elaborare la sua teoria!

…Magari non è curioso, ma a fine giornata che link pretendete dal blogger dilettante????

Bene, adesso possiamo parlare dell’evoluzione. Non mi va di spiegare la teoria, perchè è già arciconosciuta, arcistorpiata, e vi consiglio quindi di leggere l’ottimo speciale di “Le Scienze” e/o di leggervi il libro “L’origine delle Specie” del buon Charles. Ho scoperto grazie al leggendario mensile che era un ragazzo svogliato, che si è laureato  per volere del padre col minimo di voti in teologia (!!!) dopo aver provato un altro corso di laurea, e che per la prima volta su quella nave si è sentito realizzato.

Ora, c’è una cosa che non mi spiego (e non me la spiegavo neanche quando mi sentivo ancora cattolica). Perchè adesso che siamo nel 2000 la teoria dell’evoluzione è ancora così criticata e discussa? Perchè dato che è così logica?

Voi mi direte: ma tante cose logiche sono contestate, è pura quotidianità!

Ok. Quindi facciamo un passo avanti: non è contestata nella sua logicità ma bensì perchè “minaccia” qualcosa. Cosa minaccia? La Genesi.

Che secondo me è un racconto bellissimo, è ottimo come inizio per un insieme di libri religiosi e/o spirituali, dà senso di pace, di risolutezza, di calma, di facilità, di ordine e bellezza, di senso estetico, di perfetto equilibrio.  C’è anche il riposo domenicale con tanto di sospiro finale! Ma il punto è: perchè chi è cristiano si sente minato nella sua fede dalla teoria sull’evoluzione? Io non capisco. Ipotizzo che sia perchè Dio con questa teoria è percepito come un’entità meno “importante”. Ma per risolvere questo conflitto non basta pensare che Dio ha illuminato chi ha prima tramandato e poi trascritto questo racconto? O anche che Dio è stato comunque un “motore” capace di far funzionare bene le “creature” evolute grazie ad altri meccanismi?

Ma soprattutto: per essere tutti più felici, più maturi, perchè quelli rinomati per essere bravi teologi (ogni riferimento a fatti, persone o papi è puramente casuale) non illustrano la florida simbologia della Genesi? Perchè ci sarebbe da parlare soavemente per ore ed ore… Perchè ci si attacca sempre ai “particolari”? Allora tutta la scienza dovrebbe essere attaccata, se Dio ha creato tutto in sette giorni perchè si stanno formando nuove stelle e nuove galassie? Tutto dovrebbe essere immobile e immutato. E secondo me la Terra dovrebbe anche essere al centro dell’universo. (ogni riferimentimento a  fatti persone o inquisizione è puramente casuale)

Tutte queste credenze cieche non alimentano la superstizione?

Io trovo che questa chiusura alla logica e all’osservazione sia inammissibile nel ventunesimo secolo. Poi non capisco veramente (aiutatemi!) come la gente comune, che certo non ha secondi fini, ancora sia titubante, e non trovo che questa perplessità sia dovuta a una manipolazione eccessiva. O forse su questo punto mi sbaglio…

Solo perchè non può esistere il reato d’opinione, se no io in un impeto di irritazione post-giornata stressante li incolperei tutti.

Li costringerei a un’ora di cilicio al giorno con la Binetti che parla, alla lettura di tutti i libri che hanno fatto la storia della filosofia scientifica e a tutti i trattati scientifici più importanti giorno e notte, obbligandoli a stare svegli mentre Casini ripete incessantemente “Smettetela di litigare“.


Azioni

Information

14 responses

23 03 2009
davide

Cara Sara,

non posso che condividere tutto quello che hai detto.

Comunque credo che tra quello che dicono le sacre scritture e l’interpretazione che ne danno le chiese, la cattolica in particolare, ci sia un abisso.

Ciao Davide

24 03 2009
Salazar

In realtà la teoria dell’evoluzione della specie a Dio non gli fa un baffo. Se lui lo ha creato, questo universo, e gli uomini scoprono sempre più come è fatto questo universo creato da lui, cosa cambia per Dio? Nulla, c’è solo un cambiamento per gli uomini: la maggiore conoscenza della creazione così com’è, nella sua reale realtà.
Il problema è che si vuole difendere non l’azione di Dio, ma l’azione di un Dio (o più di uno) in particolare; un Dio fatto, descritto ed immaginato dagli uomini, e quindi imperfetto e estremamente limitato, come sono imperfette e limitate tutte le creazioni dell’uomo.
Il secondo passo di questo ragionamento porta automaticamente a pensare che, in realtà, la negazione dell’evoluzione della specie non è difesa di Dio in quanto tale, ma è – tristemente – solo autodifesa da parte di uomini che vogliono disperatamente non cambiare la “verità” classica di uno e ben determinato Dio, il loro, con i loro rituali per avvicinarlo e il potere che ne deriva. Siamo quindi davanti a discussioni sui massimi sistemi fatte esclusivamente per puro tornaconto personale che arrivano addirittura a negare l’evidenza senza provocare la minima vergogna in chi la nega. Non esiste in questa discussione nessuna ricerca della verità su Dio o rispetto per Dio, che viene irrimediabilmente offeso quando si dubita del suo creato reale, visibile e sperimentabile, perché non coincide con delle descrizioni riportate da un libro – la Bibbia, scritto da umani – per quanto si tratti di un libro importante, o si creda sia importante.
Può un prete, un vescovo, o ancora meglio il papa, dire che la Genesi (quindi la Biubbia) è un’invenzione?, che leggere Salgari o la Bibbia è la stessa cosa perché tutti e due sono romanzi d’avventura? Certo, può anche farlo, se avesse coraggio, ma poi si ritroverebbe a lavorare in qualche oscuro call center di Düsseldorf, calzando dei normali mocassini in vera finta pelle.
Esiste qualche altro problemuccio all’orizzonte per la Chiesa, per tutte le Chiese: secondo le ultime teorie scientifiche l’universo non è “infinito” (come da teologia) ma “illimitato”, inoltre esistono infiniti universi paralleli, o limitrofi (Teoria delle Stringhe), e noi ci limitiamo a vivere in uno di questi. Non so bene quale sia la differenza fra “infinito” e “illimitato”, ma chi sa della cosa dice che è importante e io mi fido, non potendo fare altro.
Poi c’è Kepler, il nuovo satellite telescopio della NASA: lanciato a inizio marzo ora é in orbita e fra poco sarà funzionante. Kepler è stato progettato per “vedere” pianeti dello stesso tipo e dimensione della Terra in orbita attorno ad altre stelle, gli esperti prevedono che nei prossimi due o tre anni ne troverà circa un centinaio.
Sarà divertente assistere alle reazioni della Chiesa, e ancora di più sarà sentire gli scricchiolii delle arrampicate sugli specchi: mi sa che a Ratzinger verrà un coccolone.

24 03 2009
Chiara di Notte - Klára

Li costringerei a un’ora di cilicio al giorno con la Binetti che parla, alla lettura di tutti i libri che hanno fatto la storia della filosofia scientifica e a tutti i trattati scientifici più importanti giorno e notte, obbligandoli a stare svegli mentre Casini ripete incessantemente “Smettetela di litigare“.

Si’, ma inginocchiàti sui ceci. :mrgreen:

(cavolo, per fare la A accentata mi si sono intorcolate le dita🙂 )

26 03 2009
aa

ma sei sicura che la chiesa affermi quello che tu le attribuisci ?
ebbene, non è così. prendi in mano qualsiasi bibbia, anche la più vecchia che riesci a trovare e vedrai che ti viene spiegato – ma non ci vuol molto a immaginarlo – il significato dei primi capitoli della genesi.
sull’evoluzione, poi, c’e’ uno stuolo di scienziati che compongono la pontificia accademia della scienza che sono avanti diversi anni luce dalle tue ingenue conclusioni.

27 03 2009
Sara

@ davide: già, una differenza incredibile…

@ Salazar: bellissima riflessione, per quanto riguarda il problema degli universi la soluzione ecclesiale è già arrivata: ci sono molti pianeti, molti universi, è possibile che ci sia vita, ma Cristo è stato solo sulla terra ed è stato crocifisso solo sulla terra. Questa fantastica risoluzione di un problema inutile è arrivata credo da un vescovo, ma non italiano, qualche mese fa.

@ Chiara: giusto!!! Li ha creati nostro signore per qualcosa questi ceci!!!!:mrgreen:

@ aa: sono felice che ci sia qualcuno che non è d’accordo così si discute un pò di più e andando un pò più a fondo… (è vero che sono felice e non è ironico) Un conto è quello che dice la bibbia, e la “spiegazione” che dà (io ho detto che la genesi sulla bibbia è bellissima), un conto è l’interpretazione che viene data dalla Chiesa. E poi è stato il buon papino attuale a ricriticare Galileo e l’evoluzione…
E perchè la Moratti avrebbe tolto l’evoluzione dai programmi scolastici?
Quali sono le mie ingenue conclusioni?

27 03 2009
Salazar

”Cristo è stato solo sulla terra ed è stato crocifisso solo sulla terra.”
Quando si dice la sfiga. Ma poi il mio amico Shevek mi ha raccontato che sul pianeta Urras (Tau Ceti) un vescovo dei loro ha dichiarato la stessa medesima cosa: male comune…

Il vero ingenuo è quello che va a casa del lupo a chiedere come si fa a non farsi sbranare dal lupo.

28 03 2009
Fully

Salazar è un pozzo (infinito o illimitato) di saggezza

30 03 2009
Sara

@ Salazar::mrgreen: Sei un genio!!!

@ Fully: già, concordo, e poi sagace citazione!!!!:mrgreen:

23 04 2009
Salazar

Come mi piace ‘sta cosa del pianeta “Earth Like”, sto aspettando con trepidazione, mi sembra di essere incinto di un sistema solare, e ‘sta volta
ci siamo andati vicino: solo due volte la Terra. Vabbè, si tratta di una conferma, di Gliese E già si sapeva, ma mi sa che entro l’anno arriviamo al 1:1.

http://www.planetary.org/news/2009/0423_Only_2_Earth_Masses_Scientists_Close.html

Gliese E non sembra molto ospitale, troppo caldo anche per farci il soufflé: verrebbe fuori una schifezza piatta e bruciacchiata ai bordi. Invece il fratellino Gliese D è fantastico: sei volte la Terra (un tantino grande) ma nel bel mezzo della “zona abitabile”, che vuol dire acqua.
Pare possa trattarsi di un “water world”, un pianeta tutto oceano come la Terra futura del filmetto con Costner, oppure come il lontano pianeta del bellissimo “Solaris”, il primo, quello di Andrei Tarkovsky: a volte la fantascienza indovina.
Solo acqua, tutto acqua, nient’altro che acqua: se Cristo fosse nato là – invece di qua – sarebbe nato branzino, o aragosta. Poi, invece della croce, una bella padella e un po’ di salsa tartara.

23 04 2009
Sara

Ahahah ma che commento!!:mrgreen:
Dai mi fai un articoletto? E’ troppo bello!! Ne parli come se fossero tuoi amici!!!

24 04 2009
Salazar

Articolo? Io non la so mica fare una cosa così: so scrivere solo romanzi epici, storici o multigenerazionali. Qualcosa tipo Buddenbrooks, ambientato nel Sertão brasiliano, dove tutti i personaggi si chiamano Otasilio João Teixeira Fonseca da Silva Santos, donne e transessuali compresi.
Comunque non la posso più scrivere la storia del pianeta d’acqua: proprio oggi, un signore di Chicago, molto antipatico, che di nome fa Ray Pierrehumbert, ha appena dichiarato (in aperto contrasto con il tipo che ha scoperto Gliese D, Michel Mayor) che il “water world” non è affatto un mondo d’acqua ma una palla di ghiaccio.
Pierrehumbert (molto antipatico, con il nome anche molto antipatico) ha fatto un sacco di strani calcoli e ha detto che con 370 watt di irradiazione al metro quadro sul tetto dell’atmosfera di acqua liquida non c’è né. L’altro – Mayor – ha detto di si. E lui – l’antipatico – ha ancora detto di no.
Un vero peccato, già mi vedevo: giacca doppio petto blu con tanto di stemma marinaresco e cappello da capitano, al timone della mia goletta mentre navigo nell’oceano infinito di acqua rossastra, sotto al cielo pure quello infinito e pure quello rossastro (forse fucsia). Già, perché Gliese è una ”red dwarf star”, una stella piccola, rossa e piuttosto fiacca, quindi un mondo che gira lì attorno ha luci e colori totalmente diversi da quelli della Terra, che gira attorno al Sole, giallo e piuttosto vispo.
Un vero peccato: pattinare sul ghiaccio non mi piace, per di più ghiaccio rosso!, no, escluso.

24 04 2009
Salazar

Devo correggere qualcosa: Gliese 581 D è stato scoperto da Stéphane Udry il 24 Aprile 2007, ulteriori studi annunciati in questo mese di aprile lo hanno collocato nella “zona abitabile teorica”
Michel Mayor ha scoperto Gliese 581 E con annuncio il 21 aprile scorso.
Colpa delle lettere. Li ho tutti i cartellini con la lettera e il disegnino abbinato appesi al muro vicino al computer, ma ho confuso la “d” di “dado” con la “e” di “elefante” perché i due disegnini si assomigliano molto.
Come scusa non vale molto, ma è un buon inizio.

25 04 2009
Sara

Oddio sei un mito!!!:mrgreen:
Che ridere!!! Cioè mi dispiace per l’antipatia del tipo, però tu fai troppo ridere!!!!

25 04 2009
Sara

Cioè, lui è un antipa-tipo! :mrgreen:

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger cliccano Mi Piace per questo: