Il nuovo partito: OT

24 02 2009

veltronifranceschini

colaninno11

Dario Franceschini è il nuovo leader del PD.

Veltroni si è dimesso (Si è dimesso? Si è dimesso? Devo ripassare il significato di questa parola obsoleta!) dopo che Soru ha perso in Sardegna. Vabbè dai non è un nome con cui si può fare molto marketing, se lo doveva aspettare. E poi se ce l’aveva così tanto con i sardi poteva aspettare a rassegnarsi alle dimissioni dopo la vittoria di Marco Carta a San Remo. Voi l’avete guardata la tortura-san remo? Io no, sono tra la metà degli italiani che non ha visto il festival ma è rabbrividita ascoltando alcune canzoni, e che magari ha notato che il festival è stato condotto da Bonolis-Laurenti, che nell’ultima sera la De Filippi è andata ospite e che grazie al televoto ha vinto Marco Carta. Il triduo pasquale ancora prima della quaresima.

Ma torniamo a noi: Walterino si è dimesso, ed è stato interessante leggere i titoli roboanti: “PD nel caos” …perchè prima invece? Per l’ennesima volta forse ci volevano insegnare che il peggio non conosce limiti, ringraziamo per lo splendido tentativo ma non ce la possiamo fare, rimarremo i soliti illusi.

Dopo che Veltroni si è dimesso (si è dimesso, ancora non ci credo, ormai la razza dei dimessi italiani è protetta dal WWF) si sono paventate varie ipotesi, tra cui arrivare al prossimo congresso, o eleggere Bersani come leader.

Bersani come leader? Ma per favore! E’ probabilmente uno dei pochi che il cervello ce l’hanno in allegato, ma siamo nell’epoca della tv, del fashon, della comunicazione, di questi signori prototipo Gigi con pantofole marroncine ,maglione bordeaux con scollo a V e calzettoni di lana color panna non ne possiamo più!

Al che hanno eletto Franceschini. Ovviamente non potevano eleggere una donna, guai mai, è vietato, le donne non possono fare il prete. Come dite? Non è un’associazione cattolica? Ah, che sbadata, mi ero confusa.

Secondo me l’hanno eletto perchè ha gli occhiali rotondi. Considerando che in Italia c’è pieno di imprenditori strafighi vestiti all’ultima moda truccati e accompagnati da belle ragazze e che loro hanno scelto Colaninno, cioè l’unico imprenditore con gli occhiali rotondi e la dentatura da bravo ragazzo cocco di mamma dovevamo aspettarcelo.

harry_potter_432

Il prossimo leader sarà Harry Potter. Harry Potter e il partito filosofale. Sottotitolo “Il partito in cui non si conclude mai un cazzo”.

Ecco, e poi, dato che “democrazia” è una parola più desueta di “dimissioni”, basta con questo nome, basta con Partito Democratico… Democratico di che? E poi dai non è un partito, è più simile al circolo della calzamaglia! Quindi proporrei come nuova sigla OT: Occhiali Tondi. Anche POT va bene, con Harry Potter come leader è perfetto! Partito Occhiali Tondi.

Vorrei anche fare un’analisi sul discorso di Darietto. E’ stato anche un bel discorso vi dirò, con le palle, mi verrebbe da chiedergli se allora prima era in disaccordo col maanchismo mollaccione di Walterino. Però ho pensato: beh, dai, non male, concediamogli il beneficio del dubbio.

Tempo due giorni e i soliti dell’azione cattolica gli rompono per due parole che ha detto e che riguardano la chiesa (riguardano la chiesa? Perchè? Parlava di omelie, di ostie e vinsanto? Non mi sembra, e allora perchè riguardavano la chiesa?). Rutelli in testa. Credo che lui e Massimino in particolarmodo siano colpiti dalla sindrome “bambino rompipalle senza coraggio”.

Tipo così:

Maestra: bambini adesso facciamo questo gioco, chi vuole fare il capo?

Darietto: io, io!

Maestra: bene, allora Darietto è il capo! C’è qualcun altro che vuole fare il capo?

Franceschino e Massimino: io, io!!! Lui non è capace di fare il capo, e poi l’anno scorso ci ha rubato la gru!!

Maestra: va bene, allora voi vi candidate a fare il capo? Siete capaci?

Franceschino e Massimino: Mmmhhh….Ehh….. Mmmmhhh… No! Non ci candidiamo a fare il capo! Però lui l’anno scorso ci ha rubato la gru!

Succede esattamente la stessa cosa ogni volta, e le tv e i giornali non aspettano altro che parlare della gru dell’anno scorso. Ogni volta che fanno queste dichiarazioni sceme dovrebbero dimezargli lo stipendio, così nel frattempo imparerebbero i logaritmi.

costantino1

Io un leader ce l’avevo, peccato che non sia arrivata in tempo…

Sto parlando di Costantino, pupillo di uomini e donne che ho visto credo da Vespa -ma non ricordo bene- parlare per più di cinque minuti del niente con estrema disinvoltura. E’ perfetto! Poi sarebbero contenti tutti: la De Filippi, Berlusca che avrebbe un rappresentante dall’altra parte, la casalinga-media, i suoi eventuali compagni di circolo -ehm, cioè, partito- che quando si parla del niente si trovano perfettamente a loro agio. Però non porta occhiali tondi, quindi comunque non avrebbero ascoltato la mia proposta.

POT: Partito Occhiali Tondi, Partito Off-Topic!!!

Annunci




Kebab for breakfast

13 02 2009

adanakebab

Stasera ho dato una mano a un take away pakistano, dove il kebab è ovviamente il piatto forte. Sotto ogni punto di vista.

C’erano un cuoco, un aiuto-cuoco, un amico-turista, e due omini-motorino. Uno dei due in pakistan è un professore di inglese e “un’altra lingua”, è venuto qui sei mesi in viaggio, intanto lavora e aiuta il fratello (cuoco).

Sono rimasta sorpresa dall’incredibile pulizia, pulivano anche le piastrelle ogni dieci minuti, qualsiasi norma igienica rispettata, cosa che nei nostri ristoranti penso sia più unica che rara.

O io ho trovato l’eccezione che conferma la regola, o sono stata fortunata, ma ho avuto a che fare con persone gentilissime, per niente maschiliste: osservando loro ho notato che da noi imperversa un maschilismo strisciante subdolo e devastante, parlando sempre di lavoro -tanto per fare un esempio- una volta mi è capitato di non essere assunta come istruttrice di nuoto perchè cercavano istruttori maschi.

Loro conoscono perfettamente l’inglese (tutti) e lo parlano anche tra di loro, mi hanno  anche chiesto scusa quando ogni tanto parlavano più di cinque minuti in pakistano…Sono proprio più avanzati, sotto ogni punto di vista.

E sono stati chiari, da subito. Mi è capitato di dover aspettare mesi e mesi prima di sapere quanto avrei preso per un lavoro, c’è l’ipocrita usanza di non poter chiedere quanto si prenderà per una sottospecie di bon ton, e poi guai a dire che è poco. Che mi chiedo: se tanto non posso contrattare per il compenso, che tu me lo dica al secondo colloquio o al giorno prima di lavorare cosa cambia se non si è firmato comunque nessun contratto? Loro sono fatti di un’altra pasta.

Sono veramente rimasta impressionata dalla loro civiltà, che si esprime con piccole cose e con l’atteggiamento che è sincero in ogni caso, noi ormai usiamo qualsiasi stratagemma possibile per ingannare (anche per cose piccolissime e insignificanti) l’altro, e magari l’altro lo capisce e passa tutto per il non verbale, diventando un tabù. Il loro mondo è diverso, è papale papale, una cosa viene detta per com’è, senza menzogne o giri di parole strani.

Nel nostro paese comunque ho pensato che tutte queste cose non dette, come il fatto di non chiedere l’ammontare della paga, o di non mettersi d’accordo subito per gli orari, i giorni, o qualsiasi altra cosa, sono una specie di burocrazia facile, scontata, una prassi applicata sempre e comunque, anche quando non servirebbe. Una burocrazia non scritta e ancora più devastante dell’altra codificata, così tanto noiosa e rischiosa.

(Ah, mi dicono che Santoro rischia di chiudere per una vignetta su Gasparri -a quanto ho capito- . Sarebbe un peccato penso, ma io so già che il Pakistan è un paese avanzato. In più amo la Francia. E siamo a due.)

Ma veniamo al punto: leggenda narra che un apparecchio che produce il freddo in un sistema pressochè chiuso rilasci calore nell’ambiente circostante. Mito vuole che questo strano oggetto si chiami frigorifero, o anche sistema-refrigerante-per-piste-di-pattinaggio-sul-ghiaccio, e che la legge della termodinamica imponga che il motore del frigorifero non abbia rendimento = 100%, e che quindi tutto ciò che non rende diventa calore. Ora: io ero davanti a un frigorifero gigante, ne avevo di fianco un altro: mi spiegate perchè c’erano circa 10 gradi? E io che ogni volta chiudo il frigorifero perchè altro mito parla di motori fusi e gran caldo in caso di sportello del frigorifero aperto…Basta, stasera lo apro, sono stufa della solita monotonia!

E in più: siamo sicuri che la legge della termodinamica funzioni? Quando ho scoperto che anche i buchi neri rispettano le leggi della termodinamica ho pensato di si, ma senza l’empirismo la scienza a che punto sarebbe?





Dialoghi col benzinaio

11 02 2009

benzinaio1ew11

A me piace andare dal benzinaio dietro casa, benzina di mantova doc, la più economica, vicina (il che è fondamentale per la mia pigrizia), e col benzinaio facciamo quelle due parole o ci scambiamo quel semplice “come va? Tutto bene, tu?” che è sincero e mai banale, a dispetto di quanto possa sembrare. Poi mi piace anche ordinare la pizza dal mio pizzaiolo da asporto di fiducia, che mi chiede “come andiamo De Angelis?” (nome di fantasia che ho inventato per ordinare le pizze), e mi fa la mia pizza ben stesa, io gli do il mio cd, lui mi chiede informazioni per l’affitto nel mio palazzo, io mi informo e gli so dire qualcosa. Un bello scambio insomma, una cosa che fa molto “paese”, un angolo di umanità in una grande città. Per lo stesso motivo quando mi serve vado dal ferramenta dietro casa, c’è un ragazzo sempre disposto a dare consigli, del resto non tutti sanno che esiste uno sturalavandini chimico più potente del MisterMuscolo.

Ma non divaghiamo, parliamo del breve dialogo che ho intrattenuto oggi col benzinaio, dopo avergli detto “5 euro come al solito, grazie!”

Io: come va?

Lui: tutto bene, tu?

Io: tutto bene, grazie!

Lui: noi siamo fortunati…

Io: lo so, siamo fortunati a prescindere…

Lui: sì, c’è sempre chi sta peggio, guarda una mia amica, ieri ha perso il lavoro… Adesso vedo dei boss in giro con le macchine dell’azienda, e chiedo: ma cosa ci fai in giro tu? E mi rispondono: ah, ne abbiamo lasciati a casa due o tre, adesso dobbiamo fare queste cose noi…

Io: pensa che la cassa integrazione è aumentata più del 500 %

Lui: ah per forza, pensa solo a quelli delle ceramiche, ne hanno licenziati 700 da un giorno all’altro, un colosso mondiale eh?!? Ma io mi chiedo: come fanno da un giorno all’altro a dover chiudere?

Io: forse perchè avevano dei problemi da molto tempo che non sono più riusciti a…

Lui: a imboscare, come succede spesso in Italia.

Ecco, questa conversazione è estremamente basilare, non si parla di massimi sistemi, si parla della vita di tutti i giorni, e infatti è incredibile quanto riescano a dividerci nonostante abbiamo gli stessi bisogni. Però spero sia trasparso che il qualunquismo non ha toccato questo piccolo dialogo, di una semplicità estrema, ma anche molto sincero e vero. Queste sono le persone con le quali ci si può arricchire anche senza parlare di chissà che.





Ippocrate salvaci tu

9 02 2009

altan

Dal giuramento di Ippocrate:

“Consapevole dell’importanza e della solennità dell’atto che compio e dell’impegno che assumo, giuro:

(…) di curare tutti i miei pazienti con eguale scrupolo e impegno indipendentemente dai sentimenti che essi mi ispirano e prescindendo da ogni differenza di razza, religione, nazionalità condizione sociale e ideologia politica;

(…) di rispettare e facilitare in ogni caso il diritto del malato alla libera scelta del suo medico, tenuto conto che il rapporto tra medico e paziente è fondato sulla fiducia e in ogni caso sul reciproco rispetto; (…)”

Legge 365 del codice penale:

“Chiunque, avendo nell’esercizio di una professione sanitaria prestato la propria assistenza od opera in casi che possono presentare i caratteri di un delitto pel quale si debba procedere d’ufficio, omette o ritarda di riferirne all’Autorita’ indicata nell’art. 361, e’ punito con la multa fino a lire un milione. Questa disposizione non si applica quando il referto esporrebbe la persona assistita a procedimento penale.”

Ecco, per questo motivo con la nuova legge proveniente dalla Lega non si parla di referto ma di denuncia. Perchè il  medico non potrebbe refertare la clandestinità dato che esporrebbe la persona a procedimento penale. E a un calcio in culo, naturalmente. I medici con la nuova porcata che è molto semplice anche per Calderoli quindi promulgabile possono denunciare un clandestino che andrà nel loro ambulatorio, se avrà il coraggio d’andarci. Che grande opportunità! Vorrei sapere se denunciando un clandestino si vince qualcosa, tipo almeno per favore mettete una taglia. Poi suggerirei anche la lettera “W” scarlatta di Wonted. E un bersaglio perchè il calcio da dare per tornare nel paese d’origine dev’essere poderoso e ben calibrato. Praticamente il governo ha abrogato il il comma 5 dell’articolo 35 del decreto legislativo del 25 luglio 1998, n. 286, ossia il Testo unico di disciplina dell’immigrazione. L’articolo recita, o meglio recitava, adesso è rimasto senza voce: «L’accesso alle strutture sanitarie da parte dello straniero non in regola con le norme sul soggiorno non può comportare alcun tipo di segnalazione all’autorità, salvo i casi in cui sia obbligatorio il referto, a parità di condizioni con il cittadino italiano».

Puff, sparito. Queste chiamasi leggi-a-bolla-di-sapone, vanificate in un giorno dopo una notte travagliata a causa di strozzapreti panna e salsiccia. Ippocrate e il codice penale si stanno rivoltando nella tomba. Anche il codice penale è morto, gli assassini sono l’indulto, il lodo Alfano e la prescrizione che ormai è più lunga della coda della rondanina.

Non so più cosa dire in merito agli immigrati, quindi cito Fabio Fazio che per una volta ha detto una cosa sensata “basterebbe chiedersi: io che diritto ho per essere nato a torino, Savona? Se si capisse che a questa domanda non c’è risposta sarebbe tutto molto più semplice”

Questi in due giorni ne hanno fatte troppe, io non ci sto più dietro. Hanno anche aumentato il prezzo del permesso di soggiorno da 80 a 200 euro (l’Italia praticamente è un Hotel, l’unico che si fa pagare profumatamente nonostante i bagni pubblici facciano schifo, nonostante le camere fatiscenti e i corridoi pieni di buche mai aggiustate.)

Poi hanno istituito il registro per i clochard, probabilmente perchè stanno strolicando un modo per far sì che riescano a vedere mediaset.

Poi cosa manca? Ah, si, il decreto contra personam cioè contro la Englaro. Che ha ricevuto il plauso del Vaticano. Che Napolitano non ha firmato. Si è svegliato, lui non era in coma irreversibile, buono a sapersi. E Berlusconi? Berlusconi si è incazzato, oh sì che si è incazzato. Pare che gli abbia detto “quest’estate la mamma non ti invita più da me per la festa del vulcano finto che sputa il fuoco”.

E Veltroni? No ma mi dite cosa sta aspettando? Attende che due treni “freccia rossa” consecutivi arrivino a destinazione in orario? E’ impossibile! Mi verrebbe da dire che i vari emendamenti dei pacchetti-regalo sicurezza sono stati bloccati in Senato tre volte, ma non vedo perchè lo debba fare io al posto suo. Come? Le tv sono schierate e lui non può esprimere il suo pensiero? Lui e i suoi amici potevano darsi da fare quando erano al governo allora! Mi spiegate cosa dice a fare “non va bene, non si fa così brutto cattivo” se poi non fa niente? Il blogger può permettersi di parlare a vanvera senza concludere una mazza, non lui. Non so do un’idea banale, tipo organizzare una manifestazione? Uno sciopero generale? Uno sciopero del personale sanitario? Uno sciopero degli organi statali che dovrebbero schedare i clochard? Uno sciopero dei dipendenti della questura che devono rinnovare i permessi di soggiorno? Ah no che sbadata, Walter vuole fare una nuova opposizione, la manifestazione è così vecchia, così out, basta ’68, basta contestazioni, serve serenità. Per prenderla nel culo con ottimismo.

E noi? E noi è meglio che pensiamo ad altro, tanto non riusciremo mai ad essere così veloci. E poi io al mio sedere ci tengo, che tra un pò è già estate.





Grazie

5 02 2009

grazie

Di Simona_rm

La proposta di legge sul testamento biologico è arrivata in Parlamento. A mio avviso ci è arrivata nella forma e sostanza sbagliate: il testo -così com’è- rende la volontà dell’individuo che si è autodeterminato secondo legge, solo facoltativa e non obbligatoria  per i sanitari. Lo spiega bene l’ottima Chiara Lalli nel suo blog.

Qui invece, mi  soffermo sull’episodio che ha accelerato i tempi di presentazione di tale proposta: il dolore della famiglia Englaro. Su una ragazza, sull’incredibile amore dei suoi genitori e più in particolare sull’incrollabile fiducia di un padre verso la legalità.

Giuseppe Englaro è un uomo segnato, ma è riuscito a rimanere sempre saldo e misurato, pervicace ma rispettoso. Non una parola di troppo, mai un gesto di incontrollata disperazione.
Giuseppe Englaro ha aspettato, interpellato, spiegato e di nuovo atteso.
Io a quest’uomo oggi, sento di dover dire “grazie”. Grazie per aver svegliato un paese sordomuto verso le tante richieste di determinazione.

Grazie anche a dei Giudici che hanno deliberato su questo evento, senza farne un caso politico. Distinguendosi da certi politici che ne hanno fatto invece, un momento di propaganda per se stessi.

Grazie a quei Medici che non antepongo la loro coscienza all’interesse e alla volontà del malato.

Di nuovo, grazie Beppino. Grazie Eluana.

La felicità non esiste. Il riposo si.





Le nuove frontiere della prevenzione

3 02 2009

mappa-tbc-2

2 miliardi di persone sono affette da TBC. (fonte)

La tubercolosi, quella vecchia desueta malattia che non va più di moda. Meglio cose fashion come la “sindrome della stanchezza cronica” o anche la “sindrome delle gambe senza riposo”. Andeteglielo a dire a Gattuso.

2 miliardi di persone affette da TBC, quasi un terzo della popolazione mondiale. La prevalenza tra gli adulti in alcuni paesi è addirittura dell’80%, il problema riguarda soprattutto l’Asia (in particolare la zona centrale e del sud), l’Africa subsahariana, alcuni paesi del sudamerica. Una persona con TBC “attiva” può infettare all’anno 10-15 persone, soprattutto tramite goccioline di espettorato. I più a rischio sono persone a stretto contatto con i malati di TBC, gli abitanti di una comunità chiusa, gli immigrati provenienti da paesi con alta prevalenza di malattia. Si stima che un immigrato che arriva in un paese europeo abbia da 3 a 6 volte più probabilità di essere contagiato rispetto a un individuo non immigrato.

Perfetto. E noi cosa facciamo con gli immigrati che arrivano da zone endemiche? Li chiudiamo nei CPT, cioè comunità chiuse, magari in condizioni igienico-sanitarie pessime, tanto per mettere alla prova il loro sistema immunitario, poi magari li si lascia nelle mani dei caporali, tanto per non migliorare la situazione. La loro salute non importa, tanto “meglio che se ne stessero a casa loro“, perchè spendere soldi per garantire loro una buona salute?

E’ strano, ma sistema sanitario nazionale per la salute della popolazione conta solo per il 20%. Perchè? Perchè l’altro 80% è occupato dalla situazione socio-economica dell’individuo, dal contesto culturale in cui è posto, dalla sua “classe sociale”, dal luogo in cui vive, dallo stato e dalle condizioni dell’ambiente, da fattori genetici. Pensate che a parità di reddito chi vive in quartiere poco “agiato” avrà meno garanzie sanitarie e sarà meno in salute di uno che vive in un quartiere migliore.

Un immigrato in condizioni non solo di povertà, ma anche con la paura di esporsi per essere rimandato a casa (in quanto clandestino) si rivolgerà più difficilmente a una struttura sanitaria. Se per giunta si fa di tutto perchè stia nell’angoletto impaurito, cornuto e mazziato, la sua salute non solo non sarà garantita, non sarà neanche minimamente cercata.

E invece la sua salute è anche la nostra salute. Un immigrato che è affetto da TBC ci riguarda. La terapia per la TBC è lunga e pesante per l’organismo, bisogna assumere quattro antimicobatterici per quattro mesi; per i due mesi successivi bisogna continuare con due di questi medicinali. E’ importante essere costanti con la terapia, per cui ci sono degli ambulatori e dei day-hospital appositi per controllare che venga eseguita e per monitorare le condizioni cliniche. Per lo stato quindi è molto costoso, e più persone sono affette più i costi aumentano, ovviamente. Per giunta si sta anche sviluppando resistenza nei contronti di alcuni di questi farmaci, quindi è meglio sbrigarsi. Perchè concedere questo vantaggio alla malattia?

Quindi noi non dovremmo fregarcene dell’immigrato che arriva in condizioni disperate, dovremmo subito verificare che non abbia la TBC, curargliela subito, in modo che non contagi altre persone a stretto contatto. E in modo che non ci contagiamo tra di noi. Anche la salute dev’essere globalizzata, perchè si lascia questo vantaggio alla malattia?

Perchè le ideologie idiote non consentono di vedere oltre cercando di garantire almeno la salute? Forse perchè se no non sarebbero idiote.

Negli Stati Uniti, paese tanto contestato per il suo sistema sanitario, gli affetti da TBC vengono PAGATI perchè si sottopongano ai controlli periodici, in modo da tener sotto controllo l’infezione. Questo anche per dire che le catalogazioni non sono mai efficaci del tutto. C’è sempre qualcosa di positivo che non conosciamo anche in un sistema che reputiamo orribile, di cui parliamo anche fin troppo senza conoscerlo da vicino.

(purtroppo la fonte in internet sugli Stati Uniti è introvabile)